Il Programma

IL PROGRAMMA DELLA COALIZIONE PIAZZA PULITA

La coalizione “Facciamo Piazza Pulita” è un movimento di liste civiche che hanno condiviso, nell’arco dell’ultimo quinquennio, un percorso amministrativo con lo scopo di coinvolgere sempre più cittadini nella gestione della “res publica”.
Il nostro movimento si prefigge, ancora una volta, di superare la logica del semplice mandato di rappresentanza per continuare nel reale progetto di cittadinanza attiva volto a migliorare ed
innovare:

il rapporto tra Ente e cittadini;
i servizi alla persona e alle imprese;
la qualità della vita, le relazioni che si sviluppano sul territorio, il senso di appartenenza alla città;
la promozione e valorizzazione del territorio favorendo le condizioni per la creazione di nuovi posti di lavoro.
Sin dal 2014 la nostra città ha intrapreso un nuovo percorso, con uomini e donne di buona volontà e scevri dai condizionamenti della “vecchia” politica.
Tuttavia, la pesante eredità del passato si è fatta sentire: una situazione economica a dir poco
disastrosa ha determinato il ricorso alla procedura di riequilibrio finanziario che ha costretto l’attuale amministrazione, per buona parte del mandato, ad una politica di austerità che ha portato al sostanziale risanamento dei conti pubblici e che ha creato le condizioni per rimettere in moto la macchina amministrativa, anche mediante l’intercettazione di cospicui finanziamenti destinati alla realizzazione di opere e servizi.
Il presente programma elettorale, pertanto, si presenta in continuità con quello già predisposto per le precedenti elezioni amministrative e tiene in debita considerazione quanto già realizzato. Tuttavia, consci dell’esperienza amministrativa maturata negli ultimi cinque anni e delle risorse finanziarie disponibili, ma orgogliosi dei risultati raggiunti seppur tra mille difficoltà, incentreremo l’azione della nostra Coalizione sulle seguenti tematiche:

a. Legalità, trasparenza, costi della politica e finanze;
b. Politiche sociali e servizi di prossimità ai cittadini;
c. Edilizia, urbanistica e lavori pubblici;
d. Energia, ambiente e salute;
f. Turismo, eventi e beni culturali;
g. Pubblica istruzione, sport e tempo libero;
h. Lavoro ed attività produttive;

Legalità, trasparenza, costi della politica e finanze.

Molto è stato fatto negli ultimi cinque anni per avvicinare i cittadini alle istituzioni e per evitare il verificarsi di inutili sprechi, cui la politica locale ci aveva abituato.
“Piazza Pulita” si prefigge di continuare questo ciclo virtuoso, dapprima continuando a perseguire la propria politica di contenimento e razionalizzazione dei costi dell’azione amministrativa.
E’ bene, difatti, rilevare come i costi legati al funzionamento delle Commissioni consiliari siano
passati da punte massime di circa 270.000 euro all’anno, ai circa 18.000 attuali, così come drasticamente ridotte sono state le spese di trasferta di amministratori e personale.
Inoltre, l’utilizzo della Posta Elettronica Certificata come mezzo prioritario per le convocazioni dei
consigli comunali e delle sedute di commissione, ha consentito di ridurre le spese per l’Ente, con particolare attenzione all’ambiente per il minor utilizzo di carta.
Sono stati sostanzialmente azzerati i fitti passivi, mediante il trasferimento degli uffici comunali,
prima dislocati in immobili privati, presso la Casa Comunale e l’ex convento di S. Pasquale.
Gli affitti dei terreni ex-ECA, che portavano cifre irrisorie nelle casse comunali, sono stati adeguati e, per la prima volta in oltre ottant’anni, hanno concorso positivamente alle entrate dell’Ente.

Ci impegniamo, tuttavia, a realizzare i seguenti punti programmatici:

a) L’utilizzo di nuove tecnologie ed il reperimento di ulteriori risorse previste per l’informatizzazione della Pubblica Amministrazione consentiranno di strutturare definitivamente l’Ufficio Relazioni con il Pubblico al fine di avvicinare la cittadinanza alle attività dell’Ente mediante le seguenti linee di azione:

agire da primo interlocutore nelle relazioni tra Ente e cittadino facilitando il primo l’approccio
nell’espletamento degli iter burocratici;
prevedere la predisposizione on-line di moduli a cd. “compilazione assistita” e fornire adeguata
assistenza al cittadino per il disbrigo delle pratiche;
adottare adeguati strumenti affinché lo stato di elaborazione di ogni pratica sia conoscibile e
facilmente determinabile nella tempistica;
raccogliere, sia in front-office sia on-line, reclami e segnalazioni dei cittadini;
fornire informazioni ai cittadini ed assicurare massima visibilità a bandi, concorsi ed opportunità.
coinvolgere i cittadini nei processi decisionali più importanti per la città.
b) Volgendo oramai al termine la fase “emergenziale” determinata dalla procedura di pre- disssesto, la Coalizione “Piazza Pulita” si prefigge finalmente di adottare il Bilancio Partecipato, redatto con precise e circostanziate voci di entrata e di spesa e che, in fase di preparazione e redazione, verrà così condiviso con la cittadinanza e con le associazioni imprenditoriali, sindacali e di categoria che potranno presentare proposte al fine di decidere di destinare eventuali somme a disposizione dell’Ente a particolari capitoli di spesa.

c) Come negli ultimi cinque anni, l’Amministrazione si costituirà parte civile in ogni eventuale processo penale in cui la stessa sia presentata quale parte lesa, provvedendo ad una modifica statutaria volta a prevederne l’obbligatorietà.

d) Quanto al funzionamento degli Uffici, nonostante i numerosi lacci imposti dal patto di stabilità, l’attuale amministrazione ha predisposto – ed intende portare a compimento – il piano triennale delle assunzioni, destinato a sopperire alla grave carenza di organico venutasi a creare nel corso degli anni, il tutto con evidenti benefici per il funzionamento della macchina amministrativa.

Politiche sociali e servizi di prossimità ai cittadini:

Nel corso degli ultimi anni il Comune di Lucera è stato impegnato in una profonda riorganizzazione, quale Comune capofila, del Piano Sociale di Zona (in seguito PSZ).

a) Dopo la profonda rivoluzione intervenuta in ambito regionale nell’organizzazione e nella conseguente erogazione dei servizi al cittadino, la coalizione “Piazza Pulita” ritiene di dover provvedere ad un progressivo ampliamento dei cosiddetti “obiettivi di servizio”, che prevedono l’attuazione delle seguenti misure:

promuovere la prima infanzia, i minori e le famiglie, mediante la realizzazione di nuove strutture quali asili nido per la prima infanzia, centri di ascolto per le famiglie e servizi di educativa sociale per i minori e strutture residenziali per i minori;
contrastare la povertà e promuovere l’inclusione sociale, mediante la predisposizione di percorsi di inclusione socio-lavorativa;
sostenere e tutelare la disabilità, la non autosufficienza e l’invecchiamento attivo attraverso
l’erogazione dei servizi di cure domiciliari, dell’eliminazione delle barriere architettoniche, la predisposizione di percorsi di integrazione scolastica per alunni con disabilità e la realizzazione di strutture residenziali per anziani e disabili.
b) E’ prevista, inoltre, l’Individuazione e la creazione di spazi di socializzazione anche attraverso l’uso di strutture comunali, sinora inutilizzate, da destinare ad attività culturali, musicali, di lettura, sport e socializzazione.

c) E’ prevista l’adozione di misure di agevolazione per le famiglie numerose e quelle con anziani e/o disabili a carico nell’ambito della ridefinizione delle tariffe dei servizi comunali, compatibilmente con il miglioramento delle condizioni economiche dell’Ente.

d) Adozione di iniziative in favore delle fasce più deboli della popolazione, con i fondi rinvenienti dai canoni di locazione dei terreni ex ECA.

Edilizia, Urbanistica e Lavori Pubblici

Come è noto, l’approvazione da parte di questa amministrazione del Piano Urbanistico Generale, dopo una lunga e travagliata gestazione, ha posto fine ad una situazione di incertezza ed arbitrarietà che gravava pesantemente sulla nostra città.
Tuttavia, tale obiettivo non deve essere considerato un traguardo, ma un semplice punto di partenza, per consentire uno sviluppo armonico del tessuto urbano.

Intendiamo, pertanto, perseguire i seguenti obiettivi:

a) Nuovo regolamento edilizio del Centro Storico, da concertare con la cittadinanza, al fine di restituire dignità e decoro alla parte più bella della nostra città; tale regolamento dovrà prevedere

uniformità di colori e materiali da utilizzare per le nuove ristrutturazioni e dovrà andare ad affiancare le agevolazioni già previste nel quinquennio precedente (es. esenzione dal pagamento del canone di occupazione suolo pubblico per interventi di manutenzione straordinaria sulle facciate);

b) realizzazione di un nuovo Canile comunale, anche ricorrendo al criterio dell’appalto-concorso;

c) completamento del piano di risistemazione dei sedimi stradali, che ha visto per la prima volta un intervento organico su ampi assi viari e non piccoli interventi finalizzati unicamente ad eliminare le buche più profonde e/o pericolose per la circolazione ed i pedoni;

d) destinazione di una somma del bilancio per la realizzazione e manutenzione ordinaria di strade ed strade rurali, anche il reperimento di fondi europei;

e) completa fruibilità e sicurezza delle scuole della nostra città, mediante la realizzazione della palestra della scuola Bozzini-Fasani, inspiegabilmente costruita senza la previsione di tale impianto e la realizzazione delle opere di adeguamento sismico di tutte le scuole di Lucera, nessuna delle quali nel 2014 risultava rispondente alla normativa di settore, il tutto mediante l’utilizzo di fondi già reperiti dall’attuale amministrazione, unito ad un costante monitoraggio di tutti i progetti candidati e non ancora portati approvati.

f) efficientamento energetico degli edifici comunali, mediante l’utilizzo degli oltre 5.000.000 di euro di finanziamenti già intercettati da questa amministrazione, i quali consentiranno ulteriori risparmi sui consumi di luce e riscaldamento.

Energia, ambiente e salute

Attueremo con ancora più convinzione politiche finalizzate ad una razionalizzazione dei consumi e delle spese energetiche ed idriche, volte a garantire risparmi, nonché una economica e più efficiente gestione dei rifiuti e di tutela del nostro territorio.
Di seguito, riportiamo le iniziative che riteniamo necessarie per il perseguimento di tali obiettivi, ribadendo ancora una volta la propria contrarietà all’insediamento di nuove discariche e/o impianti
produttivi ad elevato impatto ambientale sul nostro territorio, poichè la nostra città, nel passato, ha
già pagato un prezzo troppo alto.
Nessuna nuova discarica è stata autorizzata negli ultimi cinque anni ed in futuro nessuna discarica otterrà il parere favorevole dell’amministrazione comunale.

a) Il Comune, anche in virtù dell’adesione al Progetto “Rifiuti Zero”, si farà promotore di una politica di sostanziale incremento della raccolta differenziata, per consentire ulteriori risparmi in termini di spese di trasporto e conferimento in discarica, impegnandosi, nel contempo, ad evitare aumenti della componente modulare della TARI.

b) L’Amministrazione si farà promotrice, presso gli organi competenti, dell’istituzione del Registro Tumori per Lucera ed il Pre-Appennino Dauno.

c) in virtù delle possibilità offerte dal piano di triennale delle assunzioni, che prevede un sostanziale aumento degli effettivi in servizio presso il Corpo di Polizia Municipale, si prevede l’istituzione di un nucleo di “Polizia Ambientale” che svolga attività di controllo e repressione dei reati ambientali, in particolar modo per arginare l’annoso fenomeno delle discariche abusive.

d) Il territorio di Lucera, per la sua natura argillosa e la cospicua presenza di cave dismesse e non, ben si presta ad un utilizzo criminoso. Al fine di scongiurare tombamenti di rifiuti pericolosi – che se sedimentati nel corso del tempo risulterebbero

di difficile rimozione – prevediamo un monitoraggio costante delle aree in parola e di tutto il territorio, mediante controlli periodici ad opera della “Polizia Ambientale”.

e) come già realizzato nel recente passato, il Comune assicurerà la partecipazione ai bandi europei previsti per la riqualificazione ed il rimboschimento delle aree comunali interessate da incendi.

f) l’avvio del nuovo contratto di igiene urbana consentirà di installare numerosi nuovi cestini per il conferimento delle deiezioni canine e dei rifiuti; verranno intensificati i controlli sul corretto conferimento della differenziata e verranno ulteriormente potenziati i controlli sugli abbandoni; verrà, inoltre, potenziato il servizio di pulizia delle strade; verranno, infine, realizzati un nuovo e più funzionale centro di conferimento (con fondi europei già reperiti) ed acquistati nuovi mezzi per la raccolta.

g) la prosecuzione delle politiche di contenimento del fenomeno del randagismo, quasi completamente debellato grazie all’azione dell’attuale amministrazione, mediante l’avvio di campagne di sterilizzazione sull’intero territorio comunale.

h) l’attività di monitoraggio di tutti gli impianti eolici e fotovoltaici presenti sul territorio, al fine di contrastare fenomeni di eccessivo del territorio e valutare l’opportunità di richiedere compensazioni ambientali, mai versate all’Ente.

Turismo, eventi e beni culturali
Il ruolo centrale della nostra città all’interno della Capitanata, le sue bellezze naturali ed artistiche e la sua storia non possono prescindere dalla costituzione di una rete con i comuni limitrofi al fine di
rilanciare la vocazione turistica dell’intero territorio.

a. Nell’ultimo programma elettorale veniva prevista la possibilità di utilizzare i risparmi rinvenienti dalle commissioni consiliari per finanziare campagne di scavi archeologici continuativi nei siti presenti sul territorio, in primis all’interno del perimetro della Fortezza Svevo-Angioina, da realizzarsi con protocolli d’intesa tra l’ente Comune ed altri organismi pubblici e/o privati (es.: università, aziende, etc.).
Il venir meno dei vincoli di bilancio imposti dalla procedura di riequilibrio consentiranno finalmente di destinare tali somme a questi scopi, mediante l’istituzione di un autonomo capitolo di bilancio.
E’ stata già prevista la musealizzazione di numerosi reperti all’interno della Fortezza, così da renderla un vero e proprio “museo a cielo aperto”.

b. la Fortezza di Lucera verrà salvaguardata, non soltanto mediante opere di restauro e riqualificazione in corso di realizzazione ed in gran parte finanziate con fondi regionali (ad esempio 2.000.000,00 di euro per la cinta muraria), ma la stessa verrà integrata in un articolato piano di valorizzazione, da realizzarsi mediante il rifacimento di Viale Castello e la realizzazione del nuovo impianto di illuminazione artistica, che verrà realizzato a breve. Inoltre il risanamento dei versanti collinari permetterà di rendere tali aree finalmente fruibili, mediante la realizzazione di piste da ciclo-cross e trekking ed aree fitness.
c. Dopo l’esperienza del 2017, con “Babbo Natale al Museo” abbiamo intuito le relai potenzialità di
tale manifestazione, con elevati riscontri di presenze oltre le aspettative.
Nel 2018 sono stati investiti 100.000,00 euro sull’iniziativa, incamerandone circa 65.000. Tale iniziativa, quindi, costata appena 35.000 euro (fermo restando che numerosi arredi, decorazioni e
materiali sono rimasti nella disponibilità del Comune per un futuro riutilizzo), ha reso Lucera un polo fortemente attrattivo per circa un mese, largamente pubblicizzato dai media locali e nazionali.
Il Natale di Lucera diventerà un appuntamento fisso nell’agenda degli eventi, così da permettere ad un numero sempre maggiore di visitatori di recarsi a Lucera per ammirare le bellezze della nostra città nel periodo natalizio.

d. Previsione delle misure volte a sviluppare una migliore e più efficiente accoglienza

turistica, mediante la collaborazione con tutti gli operatori del settore turistico per consentire un costante miglioramento delle procedure di “incoming”.

e. Promozione e programmazione di alcuni eventi di rilievo, incentrati sulla valorizzazione delle peculiarità del nostro territorio ed utilizzando il Know-how già acquisito mediante la realizzazione di manifestazioni di comprovata efficacia.

f. Predisposizione di una sezione turistica del portale telematico comunale con l’indicazione circostanziata di informazioni storico-artistiche relative ai luoghi di interesse e gli itinerari tematici, ivi comprese le masserie storiche e didattiche;

g. Prolungamento degli orari di apertura dei siti di interesse storico-artistico, soprattutto in occasione di eventi.

h. Introduzione del servizio di monitoraggio dei flussi turistici, per capirne i bisogni e di conseguenza orientare la promozione del territorio.

i. Concessione di patrocinio e di occupazione di suolo pubblico gratuiti per tutte le iniziative volte alla promozione di prodotti locali della filiera alimentare e dell’artigianato.

Pubblica istruzione, sport, tempo libero e politiche giovanili

Sosterremo la scuola pubblica alla quale, subito dopo le famiglie, riconosciamo il compito educativo primario. Intendiamo creare una rete propulsiva di relazioni tra scuola, famiglie, associazioni e Comune per migliorare la qualità della vita sia nelle ore di lezione sia nel tempo libero, promuovendo l’inclusione, le pari opportunità e un
facile switch tra scuola e lavoro.

a. Aumento dei finanziamenti alle scuole comunali (materne, elementari e medie);

b. rendere autonoma la gestione, in Bilancio, delle risorse relative alla manutenzione e al diritto allo studio delle scuole primarie e secondarie di primo grado;

c. promuovere progetti di alternanza scuola-lavoro per studenti delle scuole superiori;
d. potenziamento della rete wi-fi pubblica, solo parzialmente infrastrutturata, con graduale previsione di allargamento all’intero territorio comunale.

Lavoro ed attività produttive

La recessione e la crisi che ha attraversato l’Europa, l’Italia ed in particolar modo il Mezzogiorno, è ormai una realtà da cui non si può prescindere. Abbiamo il dovere di promuovere nuove opportunità per la creazione di posti di lavoro senza fare ricorso a misure assistenzialiste o assunzioni di massa, non più consentite dagli stringenti limiti imposti dal Patto di Stabilità. Per addivenire a risultati concreti e tangibili nel merito, intendiamo:

a. proseguire nelle attività defiscalizzazione delle imposte comunali per l’insediamento di nuove attività produttive, per l’imprenditoria giovanile e per coloro che assumono manodopera;

b. Promuovere l’aggregazione dei produttori agricoli nei vari comparti di pertinenza ed accompagnarli in campagne promozionali per la commercializzazione dei prodotti del territorio;

c. Utilizzare i fondi europei per la formazione di lavoratori e nuovi assunti nell’ambito delle attività agricole e dell’artigianato con particolare attenzione per quelle figure professionali specializzate

(ad es. potatori, innestatori, ecc.) che incontrano una domanda di gran lunga superiore all’offerta effettiva;

d. per quanto attiene le realtà produttive che operano con molte difficoltà sul nostro territorio, con particolare riferimento a quelle insediate nella Zona ASI, fornire quei servizi che oggi mancano, quali: linea ADSL, viabilità, rete fognaria, depuratore e pubblica illuminazione, mediante l’apertura di un tavolo tecnico con l’ASI.

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH